Okay l hai deciso. Vai ti chiudi in bagno. Resti li e piangi. Stai tremando. Piangi sempre di più prendi una lama e te la punti nel braccio. Hei ma che fai?. Buttala. Ma non ti ascolti e ti tagli. Piangi ancora ora urli e ti manca il fiato. Esce troppo sangue. Sei svenuta. Piangevi e urlavi. Tremavi e ti tagliavi. A cos’è servito guarda cosa sei diventata.
diario-di-un-incantevole-stronza
Torniamo indietro.
Torniamo a quando ti mancavo da morire, a quando mi mandavi il “buongiorno”, torniamo a quando parlavamo tutta la notte.
Torniamo a quando lasciavo perdere la scuola per vederti, torniamo a quando programmavo fughe con conoscenti pur di venire da te. A casa.
Torniamo a quando litigavo con mia madre perché piangevo da morire e la causa eri tu.
Torniamo a quando piangevo da morire. A quando aspettavo tuoi messaggi e tu non c’eri; A quando eravamo orgogliosi entrambi e ci sentivamo dopo giorni, ma poi ci sentivamo, perché ci mancavamo.
Torniamo a quando scrivevo messaggi così che dicevo di non mandarti mai, e tu mi pregavi, perché volevi leggerli.
Torniamo a quando eri tutti i miei sorrisi, a quando se mi chiedevano di te io ero felice e basta. Torniamo a quando facevamo tanti progetti su un futuro, un futuro che ora però non c’è.
Torniamo a quando ti guardavo negli occhi e un attimo dopo mi giravo per ridere, perché non ce la facevo. Perché i tuoi occhi erano e continuano ad essere troppo per me. Torniamo a quando mi chiedevi di guardarti negli occhi almeno 5 minuti.
Torniamo a quando mi baciavi i sorrisi.
Torniamo a quando non sapevo cosa mettere il sabato sera, perché c’eri tu, e quindi dovevo essere bellissima.
Torniamo a quando mangiavamo insieme al McDonald’s, a quando facevamo foto e video insieme; Torniamo a quando camminavamo mano nella mano e le persone ci invidiavano, perché eravamo bellissimi.
Torniamo a quando fumavamo insieme, anche se io ero solo agli inizi. Torniamo a quando mi addormentavo con il sorriso, a quando se mi chiedevano come stavo non ci pensavo neanche due volte a dire che stavo bene.
Torniamo a tutte quelle volte che avrei voluto finirla e non l’ho fatto, e sono stata in silenzio. Perché non ce l’avrei fatta. Torniamo a tutte quelle volte che ti ho perdonato, senza che tu lo sapessi. Torniamo indietro.
Torniamo agli abbracci da dietro, ai sorrisi, agli sguardi, alle mani.
Torniamo tanto, tanto indietro. Torniamo a quando eravamo insieme. Torniamo indietro, insieme.
Torniamo a quando ero felice, perché ora, se te lo stai chiedendo, non lo sono più.